I dieci problemi di Cerveteri: n.1 occupazione

0
304
occupazione

I giovani (15-29 anni) in cerca di prima occupazione a Cerveteri sono circa 5.000 che con questo scenario sono destinati a cercare lavoro fuori dal loro comune di residenza.

Cerveteri, 15 novembre 2021. Continua l’attività nel circolo di Italia Viva di Cerveteri di Via Sant’Angelo, che vede protagonisti anche elementi del Gruppo civico di Pio De Angelis. Nell’ultima riunione si è deciso di dotarsi di un metodo operativo per arrivare a definire il programma.

Si è concordato di partire dall’individuazione dei 10 problemi più importanti per Cerveteri. Nella riunione di mercoledì scorso il problema dell’occupazione, con particolare riferimento alla disoccupazione giovanile, è stato individuato come problema tra i più importanti per gli abitanti di Cerveteri.

Il gruppo di attivisti è consapevole del fatto che i principali interventi nell’ambito del lavoro non rientrano nelle competenze prioritarie dell’amministrazione comunale ma l’ente comunale può operare sia con interventi di supporto, sostegno e promozione dell’occupazione. L’attenzione degli attivisti si è quindi focalizzata sui singoli settori economici che possono dare occupazione. A Cerveteri il settore del commercio ha subito una perdita di occupati soprattutto per la chiusura di molti esercizi commerciali. L’apertura di molti supermercati ha poi danneggiato le piccole botteghe dedicate alla commercializzazione di prodotti enogastronomici locali, con ripercussioni negative anche sul settore agroalimentare del territorio. Il mercato dell’edilizia non “tira” più come un tempo e gli addetti sono ora occupati in ristrutturazioni abitative che però sono destinate ad avere difficoltà nel tempo se, come si prevede, i bonus in futuro non saranno così appetibili. Molte importanti aziende agricole locali (come la cantina agricola di Cerveteri) non hanno saputo reggere la concorrenza di un mercato sempre più complesso e sofisticato con conseguente perdita di occupati. Anche per la ristorazione si sono persi posti di lavoro. I ristoranti sono pochi in relazione al numero dei nostri abitanti (circa 38.000) mentre sono in aumento gli esercizi che fanno asporto (pizzerie al taglio). La mancanza di una zona artigianale non ha sviluppato tale settore con la conseguenza di non favorire l’apprendimento di mestieri a giovani in cerca di occupazione. A Cerveteri non esistono aziende importanti o piccole industrie che possano assorbire manodopera. Anche il settore del turismo non assorbe molte risorse lavorative. I bed and breakfast a Cerveteri sono circa una dozzina e sono essenzialmente a conduzione familiare. Non risulta che le case per affitto estivo siano occupate per tutto il periodo e non risultano affitti temporanei (anche di uno/due giorni) di abitazioni come invece avviene a Ladispoli. Come sappiamo non esistono strutture alberghiere. Non esistono impianti, come parcheggi a pagamento, chioschi e servizi per camperisti, che possono occupare persone con il flusso dei turisti.

I giovani (15-29 anni) in cerca di prima occupazione a Cerveteri sono circa 5.000 che con questo scenario sono destinati a cercare lavoro fuori dal loro comune di residenza. Dobbiamo partire da questi dati per trovare soluzioni concrete che non possono che non partire dallo sviluppo del turismo. Ma non a parole. La prossima riunione si è svolta martedì 16 novembre alle ore 21.00 in via Sant’Angelo 37 nel centro di Cerveteri. Siamo partiti ma vi aspettiamo.

Consigliere Comunale
Italia Viva
Maurizio Falconi