GUARDIE ECOZOOFILE AMBIENTALI

0
1961

(“FARE AMBIENTE” Movimento Ecologista Europeo)

È partito in questi giorni il nuovo corso rivolto all’importante servizio svolto dalle Guardie Giurate Ecozoofile, chiamate a cercare, raggiungere e soccorrere persone disperse in zone impervie e boschive. Le Guardie Ecozoofile  hanno, infatti, al proprio attivo tutta una serie di importanti servizi rivolti al soccorso di persone disperse, all’intervento in zone soggette a calamità naturali e al monitoraggio dell’ambiente circostante. Sono nominate dal Prefetto e/o dalla Provincia, si relazionano solo alle norme di diritto e svolgono autonoma attività di vigilanza e verbalizzazione alle dipendenze funzionali dell’Autorità Giudiziaria. Hanno il compito di “assicurare con una costante vigilanza la difesa delle acque, dell’atmosfera, del suolo e del sottosuolo nonché dei terreni agro-forestali dall’inquina- mento, onde eliminare o ridurre i fattori di squilibrio e di degrado ambientale. Accertamento e repressione degli illeciti in materia di caccia e di pesca, sorveglianza generale per la tutela dell’ambiente, della fauna e delle coltivazioni agricole, ovvero su tutte le norme relative alla protezione degli animali in genere e senza limitazioni di sorta”. Così come recitano alcune delle più importanti leggi che individuano e delineano i compiti di vigilanza delle Guardie Ecozoofile. Oltre a questo importante e vastissimo quadro di operatività, vanno aggiunti ulteriori compiti di vigilanza che altre norme affidano alle Guardie Ecozoofile:  la raccolta dei funghi, dei tartufi, la tutela dei laghi e dei corsi d’acqua, degli alberi monumentali, delle aree naturali protette, ecc. Il nucleo delle Guardie Ecozoofile che opera sul nostro territorio, coordinato dal sig. Mauro Di Stefano, collabora attivamente Con la locale Protezione Civile e con la stessa ha recentemente partecipato ai soccorsi delle vittime del sisma che ha colpito gravemente il centro Italia. Onde approfondire la loro professionalità, le Guardie Ecozoofile di Cerveteri, infatti, stanno attualmente frequentando un corso di “Orientamento e Topografia” organizzato dalla A.A.A. (Associazione Arma Aeronautica) Sezione Ladispoli-Cerveteri, nell’ambito della diffusione della cultura aeronautica. Scopo del corso è portare a conoscenza dei suddetti operatori, le tecniche basiche di Orientamento e Topografia per poter cercare, raggiungere e soccorrere persone disperse in zone impervie e boschive, con nozione di base delle tecniche e procedure S.A.R. (Search and Rescue). Il corso prevede due ore circa di teoria (integrabili se necessario) ed una esercitazione sul terreno della durata di circa cinque ore, dove sarà messo in pratica quanto acquisito dai frequentatori, al fine di ottimizzare, attraverso il coordinamento con i colleghi e con i superiori, le comunicazioni radio e la capacità di movimento sul territorio, la ricerca ed il soccorso di un ipotetico soggetto disperso e infortunato. Responsabile del corso è il Col. Stefano Visione, qualificato Aerosoccorritore ed Istruttore di Sopravvivenza, con esperienza pluriennale nella materia. A tutti i volontari frequentatori, di entrambi i sessi, saranno rilasciati certificati con attestato di fine corso dalle competenti Autorità Comunali. Noi non possiamo fare altro che ringraziare queste donne e uomini che, dedicando il loro tempo libero a questa importantissima missione di tutela ambientale, ci permettono di vivere su un territorio più sano e sicuro, augurando loro buon lavoro.