FRONTE DEL NO AL CONSORZIO: REPLICA AL CONSIGLIERE NUCCI

0
568
consorzio
“Apprendiamo con sommo gaudio la notizia della riattivazione del servizio irriguo per i giardini privati a Cerenova e senza la necessità di alcun consorzio!”.
Questo è il segno evidente che, come da sempre sostenuto dal Fronte del No, la vicenda dei due consorzi proposti, soprattutto del primo, era solo un maldestro tentativo di costituire in “carrozzone” i cui costi sarebbero ricaduti  ingiustamente nelle tasche dei cittadini nella forma di ulteriore voce di spesa, soprattutto in questo periodo. Inoltre, mi preme sottolineare, sempre in riferimento a quanto dichiarato dal Consigliere Nucci. Come il Fronte del No al Consorzio, movimento sorto nel C.D.Z. Cerenova – Campo di Mare all’indomani della annunciata interruzione del servizio irriguo e da subito appoggiato dal coordinamento Lega Cerveteri e da Fratelli d’Italia, abbia sempre invitato il Comune e la Multiservizi a trovare una soluzione al problema in questione che non prevedesse necessariamente la costituzione di un consorzio e, oltre alle soluzioni “private”, ha sempre sostenuto che proprio quanto annunciato oggi dal consigliere Nucci potesse essere realizzato concretamente, ossia un accordo tra Comune Consorzio di bonifica e Multiservizi che portasse a perpetuare l’erogazione irrigua privata a Cerenova senza costituire consorzi di sorta.
Evidentemente, le battaglie condotte sul territorio nello stesso periodo dello scorso anno contro ogni soluzione consortile, hanno sollecitato in modo determinante la risoluzione del problema e quindi, pur ringraziando il consigliere Nucci per il suo annuncio, ci permettiamo a pieno titolo di rivendicarne una buona fetta di paternità.
Avv. Alessandro TEMOFONTE
( Fronte del No- vicecoordinatore Lega Cerveteri)