Forte Michelangelo, la statua “Il bacio della memoria di un porto”

0
225
bacio

Tutto pronto per celebrare i 150 anni della Capitaneria di Porto. 16 Settembre 2020 a Forte Michelangelo.

Scopertura della statua “Il bacio della memoria di un porto”. L’opera è stata realizzata in memoria di quanti partirono dal porto di Civitavecchia, anche a seguito di eventi bellici, in alcuni casi senza far più ritorno e dedicata alla parziale ricostruzione di una “memoria” persa il 14 maggio del 1943, allorquando un devastante bombardamento distrusse non soltanto l’edificio storico della Capitaneria, ma gran parte del porto e dell’abitato cittadino, cancellando secoli di storia.

La statua, raffigurante una giovane donna che bacia un marinaio della “Regia Capitaneria di porto” è frutto della sensibilità e della passione di una cittadina che ha amato e  ama il porto di Civitavecchia, si è potuta realizzare esclusivamente grazie al contributo di alcuni operatori del settore marittimo e portuale e privati, i quali hanno inteso cooperare non solo per lo sviluppo del porto, ma anche per la ricostruzione della sua memoria, creando un ponte che unisca il passato, il presente e dil futuro di questi luoghi. L’opera ambisce altresì ad essere un simbolo senza tempo di rinnovata speranza e fiducia per la ripresa di un porto e della  sua Comunità che, al pari dell’intero Paese, sta fortemente subendo la crisi globale che ha investito il mondo intero.

Per l’occasione, il Cardinale Marc Ouellet, Prefetto della Congregazione per i vescovi e presidente della Pontificia commissione per l’America Latina, Mons.Santo Marcianò, Ordinario Militare per l’Italia e Mons.Ruzza, Vescovo di Civitavecchia e Tarquinia, officeranno una Santa Messa celebrativa del 150° anniversario di quegli eventi e pertanto dell’istituzione della Capitaneria di porto di Civitavecchia, nel suggestivo piazzale interno del Forte Michelangelo.

Ore 18.30: celebrazione Santa Messa nel piazzale interno del Forte Michelangelo.A seguire: scopertura statua «Il bacio della memoria di un porto» all’esterno del Forte