DPCM DRAGHI

0
355
dpcm Draghi

SPOSTAMENTI TRA REGIONI,COPRIFUOCO, SCUOLE. IN VIGORE DAL 6 MARZO AL 6 APRILE

Il Presidente Draghi ha firmato martedì il decreto che detta le nuove misure restrittive “perché la morsa del Covid non allenta” e – come ha ribadito il ministro della Salute Roberto Speranza “serve coraggio per prendere decisioni coerenti con la sfida”. Ecco le regole.

Scuole. In fascia rossa tutte le scuole saranno chiuse. Rimane invece invariato l’iter sulla fascia arancione. Possibilità per i governatori delle Regioni di firmare ordinanze, in base al livello di rischio, disponendo la sospensione delle lezioni. Ignorata la sentenza del Tar Lazio che dichiara illegittimo l’uso delle mascherine al banco per i ragazzi dai 6 ai 13 anni, infatti, il Dpcm conferma l’obbligo di mascherina al banco per tutti gli studenti.
Non solo, il provvedimento dispone che “è fatto obbligo sull’intero territorio nazionale di avere sempre con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie, nonché l’obbligo di indossarli nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e in tutti i luoghi all’aperto a eccezione dei casi in cui, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi”.

Il coprifuoco rimane in tutte le fasce, ma in quella bianca può essere ridotto. La Sardegna – prima regione ad essere entrare in fascia bianca – ha fissato il divieto di uscire di casa dalle 23,30 alle 5. Rimane il divieto di spostamento tra le regioni, anche se si trovano in fascia bianca o gialla. Si può uscire soltanto per motivi di lavoro, salute o urgenza, con il modulo dell’autocertificazione. Come sempre è consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Chi vive nella zona rossa non può andare a casa di amici e parenti nemmeno una volta al giorno, nemmeno nei limiti di 2 persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi. In tutta Italia rimane il divieto di aprire palestre, piscine anche sale giochi, sale Bingo e discoteche. Dal 27 marzo riapriranno (dati permettendo) nelle zone gialle cinema e teatri. La Regione Lazio resta in zona gialla, fatta eccezione per la provincia di Frosinone dove Nicola Zingaretti, firma l’ordinanza che conferma due comuni in fascia arancione e rossa. Per quanto concerne i viaggi all’estero, si amplia il novero dei Paesi interessati alla sperimentazione dei voli cosiddetti “Covid tested”: i passeggeri che effettuano un test antigenico rapido o un tampone molecolare entro le 48 ore precedenti l’imbarco e portano con sé la relativa certificazione, non dovranno fare il periodo di quarantena nei Paesi di arrivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here