Donato Mauro: “indipendenza e la libertà di agire nell’interesse esclusivo del paese”

0
2446

Con Liberi e Forti 2.0 torna a candidarsi a sindaco alle amministrative di ottobre

Il generale Donato Mauro ha sciolto gli indugi e annuncia la sua candidatura a sindaco di Bracciano alle prossime elezioni amministrative in programma ad ottobre.

Donato Mauro quale consigliere di opposizione come valuta l’operato dell’amministrazione uscente?

Tengo preliminarmente a precisare che ho ritenuto mio dovere accogliere le sollecitazioni di numerosissimi cittadini affinché dichiarassi la mia disponibilità ad accettare la candidatura a sindaco di Bracciano e ho verificato che sussistono le condizioni per vincere con una aggregazione di forze che si distingua per la discontinuità con le precedenti amministrazioni. Riguardo l’amministrazione Tondinelli sarebbe oltremodo agevole elencare le irregolarità e le illegittimità che hanno determinato l’intervento degli organi di controllo regionali e dell’Autorità Nazionale Anticorruzione e interrogazioni in Parlamento e Regione. A ciò si sono aggiunte le improvvide decisioni che ne hanno determinato il totale fallimento sotto il profilo della coesione sociale, in campo urbanistico, nel settore del bilancio, del decoro urbano e dei parcheggi oltre all’assenza di una politica attiva del lavoro. Non mi soffermo sulle decisioni inconcepibili di determinare la fine della scuola dell’infanzia paritaria dei Pasqualetti e la chiusura degli impianti sportivi che tanto danno hanno procurato ai nostri giovani e alle relative famiglie.

Qual è il punto che maggiormente qualifica il programma elettorale?

I punti maggiormente qualificanti riguardano la necessità di realizzare i progetti coerenti con il piano di ripresa e resilienza nazionale che ci consentiranno di acquisire i fondi europei indispensabili per uno sviluppo sostenibile in grado di assicurare il lavoro a chi ha completato il ciclo di studi o di preparazione professionale. Non entro nei particolari che saranno oggetto di confronto coi cittadini durante la campagna elettorale. Le priorità sono: sanità, lavoro e scuola e drastica riduzione della tassa sui rifiuti attraverso il trattamento della raccolta differenziata, rispondente ai requisiti ecologici. Siamo consapevoli che i cittadini ci chiedono più impegno, più partecipazione e più ordine.

A quale elettorato si rivolge, di destra o di sinistra?

Noi “Liberi e Forti 2.0” ci rivolgiamo all’elettorato, largamente maggioritario, lontano da ideologie che comportano un inevitabile condizionamento. La nostra azione politico-amministrativa si vuole distinguere dalle altre per l’indipendenza e la libertà di agire nell’interesse esclusivo del paese. Poniamo particolare attenzione alle esigenze, totalmente trascurate dalle precedenti amministrazioni, riguardanti la riqualificazione del centro storico, in parte anche di Vigna di Valle e Pisciarelli oltre alla asfaltatura della strada di Castel Giuliano. Siamo aperti solo alle forze politiche caratterizzate da valori in difesa dell’ambiente che condividono la nostra idea di sviluppo sostenibile, senza se e senza ma, del territorio di Bracciano.

Alle scorse elezioni si è presentato con quattro liste. Quante saranno le liste che questa volta appoggeranno la sua candidatura.  Quale spazio avranno i giovani?

I giovani hanno già un ruolo fondamentale nella nostra compagine e il loro apporto sarà crescente perché portatore di idee innovative riguardo la cultura, il turismo, la formazione, la piccola imprenditoria anche agricola e la partecipazione alle scelte più importanti.

Qual è tra i candidati in campo quello che teme maggiormente?

Sugli altri candidati non mi permetto di esprimere valutazioni. Questo compito riguarda la volontà di partecipazione dei cittadini che sapranno scegliere e sostenere il candidato, con competenza ed esperienza, che riterranno in grado di realizzare, dopo un lungo periodo di oblio della politica, “la rinascita” di Bracciano.

Graziarosa Villani