CSSAM DI VIGNA DI VALLE E LICEO VIAN DI BRACCIANO INSIEME PER LO STUDIO DEI RAGGI COSMICI

0
398

Ad oltre 110 anni di distanza dal primo esperimento compiuto sul Lago di Bracciano, studenti del liceo di Bracciano e militari dell’Aeronautica Militare ripetono le misurazioni per il rilevamento dei raggi cosmici.

Nel mese di maggio il CSSAM (Centro Storiografico e Sportivo dell’Aeronautica Militare) di Vigna di Valle ha ospitato un gruppo di studenti del Liceo Scientifico Ignazio Vian di Bracciano, impegnati in attività di rilevamento e misurazione dei raggi cosmici. Studenti e professori sono stati accolti presso le strutture del CSSAM dal Comandante della base, Tenente Colonnello Luigi Barbagallo, e dal Direttore del Museo Storico A.M., Tenete Colonnello Arturo Alfredo Caccetta. L’attività è stata resa possibile grazie alla ormai collaudata collaborazione tra il Liceo e il CSSAM.

La scelta del luogo non è casuale: nel 1911 proprio sulle rive del Lago di Bracciano, il fisico Domenico Pacini effettuò degli esperimenti per dimostrare l’esistenza dei raggi cosmici, cioè provenienti dallo spazio. Pacini, alle dipendenze del primo Direttore del Centro, il Capitano meteorologo Attilio Cristoforo Ferrari e supportato dal personale del Cantiere Sperimentale Aeronautico e della Regia Stazione Aerologica di Vigna di Valle, con la strumentazione a sua disposizione riuscì a dimostrare l’esistenza di tali raggi e a misurarne il grado di propagazione nelle acque. I risultati di tale attività, punto di riferimento per le future analoghe misurazioni, furono raccolti all’interno di una relazione poi pubblicata sull’importante rivista scientifica della società Italiana di Fisica Il Nuovo Cimento.

Nel 2020, a ridosso della ricorrenza dei 110 anni da queste prime importanti misurazioni, i professori di Fisica Giusy Di Santo e Mario Centola del Liceo Scientifico Ignazio Vian di Bracciano e l’allora Direttore del Museo Storico dell’Aeronautica Militare di Vigna di Valle, Tenete Colonnello Adelio Roviti, condivisero l’idea di ripetere gli esperimenti di Pacini. Partendo dalla partecipazione dell’istituto scolastico all’International Cosmic Day, si arrivò al lancio del Progetto PARTICLE (Pacini rAy expeRimenT In bracCiano LakE), un’attività PCTO (Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento) in convenzione con l’INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare) di Roma, che prese spunto dal progetto OCRA (Outreach Cosmic Ray Activities).

Giunti alla terza edizione, l’attività di collaborazione con tra il Liceo e il CSSAM quest’anno è consistita nel fornire il supporto tecnico e di personale specializzato della Sezione Sport Acquatici del Centro Sportivo A.M., per consentire agli studenti e ai loro professori di raggiungere il luogo di effettuazione delle misurazioni, a circa 350 metri dalla riva, e l’immersione dello strumento di misurazione, uno scintillatore plastico collegato ad una scheda Arduino, ideato proprio presso l’INFN di Roma, noto come ArduSiPM, alla profondità esatta di 10 metri. Al termine delle attività, per rinsaldare il legame di collaborazione tra le due istituzioni, il Direttore del Museo Storico, Tenente Colonnello Arturo Alfredo Caccetta, ha dichiarato la sua disponibilità, appena la ristrutturazione del Museo sarà completata nel 2023, ad ospitare l’evento di presentazione dei risultati alla popolazione locale e a tutta la comunità scientifica.

L’antico idroscalo “Luigi Bourlot” di Vigna di Valle è il luogo in cui ha avuto inizio l’attività aviatoria in Italia: a partire dal 1908 da qui volarono i primi dirigibili militari, e poi gli idrovolanti. Negli anni a seguire la base venne riqualificata e trasformata in Centro Sportivo e Centro di Raccolta di Velivoli Storici, che nel 1977 diventerà ufficialmente il Museo Storico. Oggi il CSSAM di Vigna di Valle è costituito da due importanti realtà di Forza Armata: il Centro Sportivo A.M., che contribuisce alla tutela del patrimonio sportivo nazionale attraverso un’attenta ricerca dei migliori talenti e contribuendo allo sviluppo tecnico e teorico delle dinamiche sportive e il Museo Storico dell’Aeronautica Militare, che ha il compito di divulgare la cultura aeronautica, la storia e le tradizioni della Forza Armata. Al momento il Museo è chiuso per lavori di ristrutturazione e ampliamento. La riapertura è prevista per il 2023, nell’ambito delle celebrazioni per il Centenario di costituzione dell’Aeronautica Militare. Il CSSAM fornisce inoltre supporto logistico al SICRAL (Sistema Italiano per Comunicazioni Riservate e ALlarmi) un importante centro di telecomunicazioni interforze, e al C.T.M. – Centro Tecnico per la Meteorologia e collabora con tutte le realtà locali e territoriali in attività al servizio della cittadinanza.

More at: https://rb.gy/cddmjz