Consigli di lettura, ‘Il Club delle Vagine Tristi’

0
167

Una carezza per l’anima, l’esplorazione di nuove frontiere. 

Connessioni e corrispondenze che, nei diversi modi di rispondere alla sofferenza, intrecciano letteratura e attualità. Un corto circuito tra sapere ed esperienza, il romanzo di elibi. Parla di donne ma non si rivolge solo alle donne.

Il Club delle Vagine Tristi. Prima il titolo, poi il racconto di Pilar, Leticia, Amparo e Irma. Quattro ragazze, una Barcellona caotica sullo sfondo, un patto di amicizia. Quattro donne, quattro strade separate, un punto di non ritorno. Il Club delle Vagine Tristi – il posto di cui avremmo tutti bisogno. (Entheos Edizioni)

Le protagoniste afferrano la propria storia e quella delle altre, infilzano e si ritraggono trascinando in un vortice di sentimenti. E quello che provi ti rende viva, aperta all’esperienza, persino pronta a meravigliarti del tuo mondo. E qui emerge la sensibilità dell’autrice che danza nell’animo umano, armoniosamente. E scende una lacrima, che non ho saputo trattenere.

Pilar ricorda che sulla vita abbiamo una possibilità di controllo quasi irrilevante, siamo inermi di fronte all’accadere degli eventi, soprattutto quelli più drammatici. Ricorda anche come per ogni battaglia persa ci sia tuttavia un’opportunità da cogliere, che nulla è perduto finché si ha la testa per immaginare nuovi scenari.

Il romanzo al di là dell’apparente semplicità nasconde riflessioni e spunti per niente banali. Controllo, perdono, gioia, rimpianto e speranza. 400 pagine dove Elisabetta Barbara De Sanctis racchiude l’imperfetta bellezza dell’essere umano.»

 

Elisabetta Barbara De Sanctis
IL CLUB DELLE VAGINE TRISTI
405 pagine
ENTHEOS EDIZIONI
16 Euro
Disponibile