COME ELIMINARE DISAGIO LAVORATIVO E MOBBING

0
379
mobbing

Attivo un centro di ascolto ed assistenza sindacale della Confederazione Autonoma Europea dei Lavoratori (CONF.AEL).

di Sabrina Livan

Procede senza sosta, presso le sedi CAF/Conf.A.E.L di Cerveteri e Ladispoli, l’attività del
Centro Sindacale di Assistenza e Consulenza sul Disagio Lavorativo – Anti-Mobbing. Il Centro è nato per dare soccorso a tutte le persone che sono sottoposte ad azioni di violenza psicologica o che vivono situazioni di stress in ambito lavorativo: mobbing, straining, burnout o violenze psicologiche e fisiche.

Si parla spesso di mobbing e più in generale di violenze psicologiche sul luogo di lavoro. Che cos’è il mobbing? Il termine  indica la condizione in cui una persona, viene presa di mira, in maniera continuata, da più persone, perseguitata, stremata fisicamente e psicologicamente, allo scopo di provocarne il licenziamento o di indurla alle dimissioni.
Non esiste una definizione univoca di mobbing poiché si tratta di un fenomeno che presenta molteplici sfaccettature: lo straining, si caratterizza per una particolare condizione di stress a carico del lavoratore e si differenzia dal mobbing per essere un’unica azione isolata che danneggia la persona (es. trasferimento e/o dequalificazione); Il bossing viene attuato come strategia aziendale di riduzione o “ringiovanimento” del personale; Lo stalking occupazionale, invece si associa o segue frequentemente episodi di molestie sessuali. Il mobbing inoltre può insediarsi nell’ambito scolastico dando luogo al fenomeno del bullismo, oppure nella vita privata mobbing domestico ovvero quando i problemi
di lavoro finiscono per avvelenare anche l’ambiente di casa, logorando le capacità dei familiari di fronteggiare la rabbia e la frustrazione della vittima.

Per coloro che sentono di essere vittime in qualunque modo, di coercizione, abuso o sopruso in ambito lavorativo, è disponibile presso le sedi CAF/Conf.A.E.L di Cerveteri e Ladispoli un servizio di assistenza e consulenza sul disagio lavorativo ed anti-mobbing. Un percorso strutturato di ascolto, assistenza e consulenza, nato con l’obiettivo di facilitare la comprensione dei molteplici aspetti di quanto vissuto e di aiutare a decidere, in maniera informata e ponderata, le eventuali azioni da mettere in campo per la soluzione del problema. l lavoratori hanno la possibilità di fruire di consulenze mirate e multidisciplinari dal punto di vista psicosociale, sindacale, giuridico, medico- legale e clinico tutte erogate nel rispetto ed a tutela della privacy. Il numero dedicato al servizio: 37 13 40 17 81. Per richiedere un appuntamento: centroantimobbing@confael.eu. Oppure è possibile recarsi personalmente presso la sede Conf.a.e.l più vicina ( www.confael.net). Segretario Generale di Comparto, dr.ssa Sabrina Livan.