Cerveteri. Poesia: “Viva, viva il Carnevale!”

0
443
poesia

Una poesia dedicata al carnevale dal titolo “Festa Galante“di Dario Rossi.

Il Carnevale

Viva, viva il Carnevale!

Colombina si ridesta per il gaio baccanale ch’è sovrano della festa.

Pulcinella è il fidanzato: brache bianche e camiciotto, della celia ha il senso innato e una maschera con l’otto.

Pantalone…un vecchio mogio dalle gote assai giulive; sul panciotto ha l’orologio, paga spese tante e vive.

Arlecchino malizioso, ghiotto, arguta dicitura; veste l’abito oneroso di cobri…Alla cintura porta sciabola di legno, stravagante nel linguaggio; servitore, ed un contegno senza stile, nè lignaggio.

Viva, viva il Carnevale!

Con lo scherzo senza inèdia, con le Maschere che l’ale han danato alla commedia: Bergamasche o veneziane, del Vesuvio, Bolognesi; ricche dame, popolane, gente umile, marchesi hanno riso a crepapelle coi lor lazi, alle sventure, nelle sere pien di stelle o dei palchi nelle cure.

Viva, viva il Carnevale!

Coi coriandoli, il trescone, con quell’aria medievale ed il vino nel boccione; con le frappe, castagnole, luccichini sulle… tette, tutto è lecito a chi vuole fare burle, offrir burlette; coi fiaschett, le filanti, con le ciocche inanellate; con gli gnomi, i questuanti, le bacchette delle fate; coi rossetti, i barbablù, i crudeli saracini, le bambine nei tutù e i capricci dei bambini; coi pirati, i burlamacchi, i magnifici zulù; con la moda degli scacchi e i pompieri di Viggiù; con le penne, col pinnacolo sopra l’elmo da Crociato, coi colori del Cenacolo, o del sole sul sagrato; coi nasoni rosso-acceso, i costumi inghirlandati; più nessuno è vilipeso: tutti allegri e pur beati.

Poi… varrà la ristrettezza e la cenere sacrale. Or gridiamo con gaiezza: Viva, viva il Carnevale!

Dario Rossi