Cerveteri, i siti archeologici tornano a vivere

0
36

Le peculiarità storiche e architettoniche di Cerveteri diventano il motore principe delle performance di Agostino De Angelis, il regista ideatore del format che fonde la bellezza del territorio con l’arte della recitazione regalando una esperienza intensa allo spettatore.

I siti etruschi come elemento visivo in tutta la loro potente bellezza si sposano con lo spessore artistico e umano di De Angelis. La professionalità di Desirée Arlotta, organizzatrice degli eventi, completa l’opera.

Creatività riconosciuta dal pubblico sempre più numeroso, attento e partecipe agli appuntamenti, un calendario fitto che vedrà domenica 14 luglio alla Necropoli della Banditaccia, presso la Tomba delle Cinque Sedie l’attore impegnato in uno spettacolo poetico tratto dalle sillogi “Oltre…”, “Oasi nel deserto” e “La luce e l’Ombra” di Salvatore Uroni. Quando Anima incontra Amore, promette di essere un esperienza coinvolgente da non perdere.

L’ultimo impegno dell’associazione ArchéoTheatron è stato domenica scorsa alla Necropoli del Sorbo, un pomeriggio incentrato sull’opera di bonifica dell’Agro Romano e Pontino a cui si deve il paesaggio attuale e di cui poco si conoscono le dinamiche. L’occasione, l’ultimo saggio di Paolo Palliccia, lo storico ha presentato i protagonisti del cambiamento nel Lazio, uomini e donne dalla forte volontà che hanno cambiato, in meglio, il nostro destino. Per una lettura del territorio che, per i suoi repentini mutamenti risulterebbe difficile, da qui l’importanza della memoria e della tutela del paesaggio. Che come dice un amico, siamo noi. E la Necropoli del Sorbo si è rivelata la location ideale, situata nel cuore del paese, si trova all’interno dell’istituto Cena. L’area è curata dall’associazione Nuova Generazione Etrusca su indicazione della Soprintendenza, la presenza domenica di Margherita Eichberg, ha arricchito l’evento.