Cerveteri, consiglio comunale: l’opposizione non vota il progetto del consorzio Cerqueto

0
713
parco

Il consigliere Lamberto Ramazzotti sottolinea una inadempienza di legge che renderebbe nullo l’atto.

di Toni Moretti

Ieri mattina, il consiglio comunale al Granarone con circa una metà dei consiglieri presenti in aula e gli altri collegati in videoconferenza, sindaco compreso, si infiamma quando si arriva al punto che riguardava il discorso del consorzio del Cerqueto.

Si, una questione antica quella del Cerqueto cominciata quando sindaco era Guido Rossi, trascinata sempre a malavoglia dai sindaci che lo hanno seguito fino al sindaco Pascucci che ha deciso di portare a soluzione il problema urbanistico relati a quell’insediamento di case abusive alle falde del Sasso. Non poco per i circa ottanta proprietari di piccoli appezzamenti di terreno che riunitisi in consorzio, chiedono a norma di legge una riqualificazione come iniziativa privata e presentano un progetto che doveva essere approvato e discusso in consiglio comunale. E’ a quel punto che Lamberto Ramazzotti, che in materia urbanistica vanti anni ed anni di esperienza dovuti alla politica ma sopratutto alla professione, a nome dell’opposizione pone il problema della nullità dell’atto che si andrebbe ad approvare se non corredato da una certificata esplicita volontà del settantacinque per cento dei consorziati, cosa che aveva fatto notare già nella commissione edilizia tenutasi alcuni giorni prima del consiglio. A questo punto, visto che un documento attestante quanto la legge richiedeva non c’era, l’opposizione pone una pregiudiziale con la sospensione che il Presidente del Consiglio Travaglia nega con una applicazione più che rigida del regolamento, tanto che l’opposizione esce dall’aula e non partecipa al voto. Strumentale e pretestuosa è stata definita successivamente la posizione di Ramazzotti da Bordoni. Attuale presidente del consorzio del Cerqueto, che stigmatizza che l’opposizione ha perso l’occasione di dimostrare un atteggiamento costruttivo nei confronti della gente.