Cerenova, la delegazione della discordia

0
1266

L’unico dipendente comunale va in pensione, a Cerenova chiude i battenti la sezione distaccata dell’ufficio anagrafe
Protestano i residenti di Marina di Cerveteri per l’improvvisa chiusura della delegazione comunale. A causa dell’andata in pensione dell’unico dipendente, la sezione distaccata dell’ufficio anagrafico, dopo oltre venti anni di attività, ha dovuto chiudere i battenti. Con la conseguenza che gli oltre ottomila residenti di Marina di Cerveteri per ottenere un documento, o la carta di identità o qualsiasi altro certificato, debbono arrivare fino a Cerveteri e sottoporsi ad estenuanti code. Provocate soprattutto dalla mancanza di personale che affligge molti uffici del comune di Cerveteri a causa del blocco delle assunzioni. A lamentarsi sono soprattutto gli anziani, i disabili e tutti coloro che hanno difficoltà a muoversi per viaggiare fino al municipio di Cerveteri. La soluzione non sembra essere dietro l’angolo e la situazione potrebbe peggiorare quando i residenti della frazione inizieranno a richiedere duplicati delle schede elettorali per la consultazione amministrativa del prossimo 11 giugno.

“Stiamo affrontando il problema – dice il vice sindaco Giuseppe Zito – ma abbiamo le mani praticamente legate. La normativa non ci permette di sostituire il dipendente andato in pensione con una nuova assunzione. Dirottare un altro impiegato dal comune a Marina di Cerveteri significherebbe lasciare scoperto un servizio per garantirne un altro nella delegazione. Stiamo vagliando l’ipotesi di inviare gli assunti stagionali, ma dovrebbero trovare il modo di addestrarli adeguatamente visto che la sezione distaccata di Marina di Cerveteri è un nodo strategico degli uffici comunali”.