BALOTELLI: QUANDO I GIALLOROSSI NON GUARDANO IL COLORE

0
95

Insulti razzisti durante la partita Brescia-Verona: l’AS Roma fa squadra con Mario.

di Antonella Scaramuzzino

Il capo degli ultrà del Verona, alla guida del gruppo di supporters che domenica scorsa ha inveito contro Mario Balotelli, non ammette l’autogol: “Lui non sarà mai del tutto italiano, ma non siamo razzisti:anche noi abbiamo un negro in squadra“.

Il giocatore palermitano, attaccante del Brescia, aveva reagito scagliando il pallone in tribuna contro i tifosi della squadra avversaria.

Oggi, 5 novembre, la presa di posizione dei giallorossi a sostegno di SuperMario, con un comunicato che recita “La Roma si schiera al fianco di Mario Balotelli per gli insulti razzisti di domenica. Che siano 20 o 2000 persone, il razzismo è inaccettabile. È ora di scegliere da che parte stare, tra chi è pronto a opporsi al razzismo e chi gli permetterà di distruggere il gioco che amiamo“.

Da Sgarbi a Salvini, nessuno si è esentato dal commentare l’accaduto. Ha detto la sua anche Salvini “Un operaio dell’Ilva vale dieci Balotelli. Non abbiamo bisogno di fenomeni