Adozioni a distanza in farmacia

0
21

Alla Farmacia sociale Salvo D’Acquisto di Palidoro lo fanno, scopri come. É più facile di quanto pensi!

Dal 2018 i sacchetti di plastica utilizzati per trasportare il prodotto acquistato al minuto sono a pagamento. Tant’è che alla cassa il cliente si sente chiedere: vuole la busta?
Mini, media o bustone non fa differenza. Da quando si paga, l’esercente non dà per scontato che sia gradita. E il consumatore, anche il più infastidito, quasi sempre ne apprezza l’utilità spendendo quel centesimo o due senza battere ciglio.
Quanto spendiamo in un mese per tale comodità?

La domanda è nata con l’apprendere di una attività commerciale che utilizza il ricavato della vendita delle shopper per adottare i bambini del Malawi.

Siamo alla Farmacia sociale Salvo D’Acquisto di Palidoro che da quando è subentrato l’obbligo di far pagare la busta di plastica ai clienti, (fino a prima era gratuita) hanno destinato la nuova entrata economica a favore dei bambini meno fortunati.
Partendo dal concetto che con poco si può fare tanto, hanno emesso uno scontrino fiscale dove accanto all’importo si legge bustina, busta e bustona per il Malawi.
Spiegando ai clienti  – racconta il titolare, Marco Tortorici – che in un anno riescono ad adottare ben cinque bambini attraverso l’Odv Africa Sottosopra, con sede a Ostia.

250 euro a bambino. Può andare a scuola anzichè lavorare e la famiglia, non avendo più forza lavoro (il bambino veniva sfruttato per pochi chili di mais l’anno) riceve dall’organizzazione il numero di chilogrammi di mais che il bimbo con il suo lavoro portava a casa. Non si sottrae nulla al nucleo familiare, e il bambino riceve un’istruzione.
I farmacisti tengono costantemente informati i clienti sui progressi del bambino adottato. Progetto a parte, chi tra loro desidera personalmente adottare un bimbo avrà la garanzia da parte del farmacista, del sano utilizzo dell’importo donato e notizie annuali del bambino.

La generosa iniziativa della farmacia sociale evidenzia come sia possibile ottenere un grande risultato senza stravolgere la propria esistenza o il bilancio d’esercizio.
Ogni giorno, da consumatori, spendiamo dai 2 ai 10 centesimi di euro a sacchetto di plastica. Sapere che sono utili è appagante. Aggiunge valore all’acquisto automatico, non sempre necessario.
Per l’imprenditore, in questo caso Tortorici, si tratta di rinunciare ad un importo inesistente fino a qualche anno fa, caduto dall’alto.
Come un banale mutamento di punto di vista trasforma completamente il volto del mondo.