A CERVETERI RIVOLUZIONE CON LA TARIP DAL PRIMO LUGLIO

0
776
tarip

SI POTRÀ SCEGLIERE SE CONFERIRE MENO L’INDIFFERENZIATO E RICEVERE UN BONUS. SI TEMONO DISCARICHE NELLE LOCALITÀ DI MARE. PREVISTI PIÙ CONTROLLI.

«Chi differenzierà meglio avrà un bonus». Che in modo più chiaro forse è: «Chi produrrà meno rifiuti, riceverà un’esenzione». Si può racchiudere in questi slogan la Tarip, o meglio la tariffazione puntuale che Cerveteri introdurrà su tutto il territorio a partire dal primo luglio. È il primo comune del Lazio con almeno 30mila ad aderire a questo sistema di raccolta dei rifiuti e il funzionamento è in apparenza semplice.

Ogni cittadino riceverà una bolletta calcolata in funzione della quantità di indifferenziata smaltita. Più volte conferirà, più alto sarà il costo dell’imposta che si compone di due parti. C’è quella fissa, che copre ad esempio il servizio dello spazzamento stradale e c’è poi la soglia variabile, vincolata alla spazzatura prodotta dall’utente singolo. Nella città etrusca la Tari riguarda circa 20mila famiglie, mai però fino ad oggi era stato annunciato un premio economico per gli abitanti definiti “virtuosi”. Intanto via i vecchi e ingombranti carrellati condominiali anche a Valcanneto: presto ogni inquilino avrà il suo contenitore, anche nell’ultima frazione rimasta scoperta. In via sperimentale l’iter è partito e ci si è accorti – a sentire cittadini e comitati – che i disagi maggiori si riscontrano in luoghi affollati come le palazzine e vicino al mare. Come accaduto ad esempio a Cerenova, località maggiormente frequentata dai turisti e dai romani che hanno lì la seconda casa. Lasciare il proprio sacchetto di fuori ingolosisce anche gli incivili nell’abbandonare i loro di rifiuti.

La Giunta etrusca nonostante le difficoltà, crede fermamente nel progetto con l’obiettivo di diminuire le quantità di secco residuo non riciclabile e incentivare una sostenibilità ambientale. «È una svolta sotto molti punti di vista – rivendica Elena Gubetti, assessora all’Ambiente – le squadre degli operatori ecologici sono già pronti con i rispettivi braccialetti elettronici. Si calcolerà non il peso ma lo svuotamento. Ciò significa che se un residente riempirà a metà il contenitore grigio dell’indifferenziato, pagherà come quello che lo ha caricato interamente. Questo meccanismo serve per incentivare le persone a dividere meglio i rifiuti. Presto inoltre ogni utente potrà seguire l’andamento dei suoi svuotamenti direttamente sul portale del municipio». E grazie alla Tarip sono spuntati fuori molti utenti “fantasma” che non pagavano le imposte. «Vero – risponde sempre Elena Gubetti – finora un centinaio tra abitanti e commercianti, numeri emersi grazie ai controlli incrociati effettuati con il nostro ufficio Tributi. La Tariffazione puntuale perciò servirà anche ad incassare di più». Per gli indisciplinati poi c’è un ostacolo i controlli.

La Polizia Municipale da luglio avrà quattro agenti stagionali pronti a potenziare l’organico. Verranno schierati quasi certamente nelle località balneari come Cerenova e Campo di Mare, in sinergia con le Guardie Ambientali. Mancano ancora le isole ecologiche mobili. A Ladispoli questo tipo di servizio copre l’intero territorio per tutte l’estate anche la domenica.