Tuorlo d’uovo, cibo degli dei

0
93

Le uova sono il cibo più nutriente e digeribile di questo pianeta. Questo è il parere della dottoressa Natasha Campbel McBride, neurologo esperto di alimentazione, autrice di numerose pubblicazioni riguardanti la dieta del bambino affetto da autismo.

Il tuorlo è paragonabile al latte materno perché entrambi vengono assimilati al 100% senza nessuna digestione. Il tuorlo fornisce ai bambini gli amminoacidi e acidi grassi essenziali, molte vitamine: B1, B2, B6, B12, A, D, biotina, molto zinco e magnesio.

La particolare ricchezza in vitamina B12 rende le uova il cibo ideale per questi bambini che necessitano di eccezionale aiuto nello sviluppo neurologico e immunitario. La maggioranza dei bambini autistici presentano deficienze notevoli in vitamina B12 e di conseguenza sono anche anemici.

Il tuorlo delle uova è anche molto ricco in Colina, un amminoacido essenziale per il sistema nervoso e per le funzionalità epatiche. La colina è il pilastro di un neurotrasmettitore chiamato Acetilcolina usato dal cervello per tutte le attività cognitive, di apprendimento e di memoria, tra le altre cose.

Colina è infatti un supplemento dato a chi ha perdite di memoria, danni neurologici e difficoltà di apprendimento. La colina è anche un potente protettore epatico. La dottoressa Natasha Campbel McBride raccomanda di far mangiare al bambino tuorli d’uovo, di gran lunga meglio se crudi. Sulle uova c’è una reputazione negativa perché sono state accusate di far aumentare il colesterolo.

Le ricerche mediche hanno smentito invece la relazione uova-colesterolo-cardiopatie-arteriosclerosi. L’85% del colesterolo presente nel sangue non proviene dal cibo, ma viene prodotto dal fegato come risultato dell’eccesso di carboidrati e zuccheri industriali pasta, pizza, pasta, cereali, farinacei. Sono quindi questi i cibi da diminuire per proteggere il cuore non le uova e comunque riguarda soggetti adulti. Il consiglio è di comprare uova da fonti assolutamente fidate.

Le uova da galline allevate a terra sono le migliori perché l’animale vive al sole e al ’aria aperta, ha ricevuto un’alimentazione sana e soprattutto priva di antibiotici o coloranti per rendere sia il guscio che il tuorlo di un colore rassicurante per la comune massaia.

Ma non basta, c’è anche un altro inestimabile vantaggio: l’uovo di gallina da allevamento biologico è meno probabile sia infettato da Salmonella. Le galline allevate a terra hanno di gran lunga minori possibilità di infettarsi da salmonella perché il loro sistema immunitario è molto più solido e sviluppato di quelle allevate in gabbie, in numeri impressionanti e in ambienti ristretti.

Motivi questi per la diffusione di ogni genere di malattia per gli animali e motivo per cui vengono somministrati antibiotici. Se, tuttavia non vi sentite sicuri, potete cuocere le uova, il virus della salmonella viene distrutto dalla cottura.

Il bianco dell’uovo è ricco di antigeni e proteine complesse, è meglio quindi cuocerlo se volete farlo mangiare al bambino, ma il premio della nutrizione va al tuorlo. Se non ci sono particolari allergie, le uova dovrebbero essere un alimento sempre presente nella dieta di un bambino autistico con problemi intestinali o di aiuto al Microbioma Intestinale.

Fonte: GAPS. La sindrome psico‑intestinale, Natasha Campbel McBride

LASCIA UN COMMENTO