Orsomando: “L’astensionismo ha favorito Pascucci”

0
403

Riceviamo e pubblichiamo da Salvatore Orsomando e Aldo de Angelis

Le urne hanno dato il loro esito e, non si può non constatare, come tra astensionismo, i voltagabbana, la cattiva informazione e la rassegnazione abbia prevalso quel profilo basso del futuro di Cerveteri che noi avevamo indicato come il gioco dal quale la città doveva liberarsi, premiando Pascucci e la sua squadra al quale, malgrado tutto, vanno i nostri complimenti e auguri di buon lavoro.

Per quanto ci riguarda , questa competizione elettorale ci ha consegnato una vittoria morale, abbiamo messo insieme un invidiabile gruppo di persone, giovani e non, realizzando una squadra di tutto rispetto, di gente seria con tanta voglia di fare e di cambiare, con la quale abbiamo piantato un seme per la rinascita del nostro paese, dimostrando coraggio, coerenza nelle scelte, passione e capacità politica, mettendo in campo strategie che ci hanno visto crescere ogni giorno nel consenso cittadino.  Gli esiti del voto ci assegnano anche un compito di responsabilità nel fare un’opposizione che sarà costruttiva e vera, forti delle innumerevoli azioni e dell’esperienza maturata nella oramai passata amministrazione , oltre che fortemente alternativa al continuismo della maggioranza ma, nello stesso tempo, ispirata a quella cultura di governo che deve animare coloro che sono chiamati a rappresentare la propria comunità indipendentemente dal ruolo di maggioranza o minoranza momentaneamente affidatogli, vera opposizione di cui avvertiamo tutta la responsabilità e di cui ben conosciamo pesi e contenuti.  Ci continueremo a distinguere con i fatti ,come abbiamo fatto in questi anni, per la nostra attenzione alla trasparenza, alla legalità e  con l’impegno a proseguire nel rinnovamento del paese convinti di aver intrapreso, sin dalla passata amministrazione, la strada della buona politica, nella direzione del vero bene comune, quella politica che non ha guardato al benessere del gruppo che la proponeva ma a quello di un’intera cittadina.  Oggi, è vero, andiamo all’opposizione ma più forti di prima e con l’obiettivo, speriamo il più condiviso possibile da Annalisa ed altri, di polarizzare e costruire un nuovo progetto di centrodestra, civico, unito e pronto per il futuro di Cerveteri convergente su un programma chiaro senza “se” e senza” ma” e privo di compromessi o inciuci dell’ultima ora oltre che con la finalità di presentare candidati credibili con un movimento politico che sia in grado di riconquistare la fiducia di chi si astiene o vota per rassegnazione o per il “meno peggio” .  Vogliamo un centrodestra che parli un linguaggio facile, che stia vicino alle persone ed ai loro problemi di tutti i giorni, che sappia ascoltare i cittadini, ma che poi abbia il coraggio di decidere prendendosi le proprie responsabilità, senza limitarsi al ruolo di semplici “megafoni del popolo”: ci si dia una prospettiva di governo, non di eterna opposizione. Questo è un fattore fondamentale, che il centrodestra futuro dovrà capire. Serve un forte polo che dia risposte concrete oltre l’urlo, oltre lo slogan facile su Facebook, oltre le apparizioni in tv.

Comunque, come annunciato in campagna elettorale, il nostro impegno sarà teso a dare risposte concrete ai tanti problemi dei nostri concittadini, sulla base del nostro programma con il quale ci siamo presentati, Noi ci saremo in questi cinque anni con la stessa determinazione e con lo stesso spirito con cui abbiamo chiesto fiducia agli elettori lo faremo per rappresentare i non garantiti da questa amministrazione ed anteponendo sempre ad ogni cosa il bene superiore della nostra amata Cerveteri.

                                                              Salvatore Orsomando e Aldo de Angelis

 

LASCIA UN COMMENTO